Intesa tra Abi, associazione bancaria italiana, parti sociali e ministro del Lavoro: gli istituti verseranno nei conti correnti dei lavoratori costretti a casa un importo fino a un massimo di 1.400 euro per la Cig a zero ore di 9 settimane, i primi soldi della Cassa integrazione arriveranno entro Pasqua.
I lavoratori messi in cassa integrazione a causa dell’epidemia di Covid-19 potranno vedersi riconoscere dalle banche una rapida anticipazione dell’importo del trattamento d’integrazione salariale che gli spetta. L’anticipazione avverrà tramite l’apertura di credito in un conto corrente apposito, se richiesto dalla Banca, ma l’istituto applicherà condizioni di massimo favore per evitare costi a carico dei lavoratori.